“Quale” con verbo “essere”

L’aggettivo “quale”  si tronca davanti alle parole che cominciano con vocale. Nel caso di troncamento la parola “quale” non si apostrofa mai! Perciò, “qual è”  si scrive separatamente e senza apostrofo!

L’aggettivo “quale”  si tronca davanti alle parole che cominciano con vocale. Nel caso di troncamento la parola “quale” non si apostrofa mai! Perciò, “qual è”  si scrive separatamente e senza apostrofo!

Qual è il tuo libro preferito?
Quale libro ti piace di più: “Il nome della rosa” o “Il pendolo di Foucault”?

Andare e venire

I verbi “andare” e “venire” sono i verbi che descrivono movimento ma movimento in direzioni diverse. E quindi, prima di tutto bisogna capire meglio i significati di base di questi verbi.

Allora, quello di “andare” è “muoversi, spostarsi verso un luogo”

E il significato di base del verbo “venire” è “muoversi, recarsi nel luogo in cui si trova o dove va la persona con cui si parla o la persona che parla”.

Sopratutto vs. soprattutto

"Soprattutto" si scrive con 4 lettere "t". Perché? È semplice:  1) "Soprattutto" consiste del prefisso "sopra-" e della parola "tutto" - "tutto" ha già 3 "t"; 2) e la quarta lettera "t" arriva all'unione del prefisso e della parola (come dice la regola: il raddoppiamento della consonante si ha all'inizio della parola che segue il prefisso "sopra-").

“Soprattutto” si scrive con 4 lettere “t”.
Perché? È semplice:
1) “Soprattutto” consiste del prefisso “sopra-” e della parola “tutto” – “tutto” ha già 3 “t”;
2) e la quarta lettera “t” arriva all’unione del prefisso e della parola (come dice la regola: il raddoppiamento della consonante si ha all’inizio della parola che segue il prefisso “sopra-“).

Metterci e volerci

I verbi pronominali contengono uno o più pronomi che cambiano profondamente il significato dei verbi.
“Metterci” e “volerci” sono quelli più usati. Vediamo come cambia il significato di queste parole quando a esse si aggiunge il pronome “ci”.

Canicola

Canicola (f.) – il periodo del massimo caldo dell’anno, calore soffocante.
Dal latino canicŭla – “cagnolino”. Nome dato a Sirio, la stella più luminosa della costellazione del Cane maggiore.