Metterci e volerci

volerciI verbi pronominali contengono uno o più pronomi che cambiano profondamente il significato dei verbi.
“Metterci” e “volerci” sono quelli più usati. Vediamo come cambia il significato di queste parole quando a esse si aggiunge il pronome “ci”.
Volerci – è  un verbo che indica quanto tempo è necessario per compiere un’azione (1 o 2 ore) e ha solo due forme: una per il singolare e una per il plurale. Il verbo ausiliare per “volerci” è “essere”.

Presente Passato prossimo
Singolare Ci vuole (ci+è) c’è voluto/a
Plurale Ci vogliono ci sono voluti/e

Esempi:
Ci vuole poco tempo per farlo. ( “volerci” descrive la quantità di tempo per fare qualcosa;  è necessario/serve poco tempo per farlo; “ci vuole” concorda con la parola “tempo” che è al  singolare)

Ci vogliono due ore di viaggio per andare da Leopoli  a Treviso in aereo. ( “volerci” descrive la quantità di tempo per fare il viaggio, sono necessarie/servono 2 ore per farlo; “ci vuole” concorda con la parola “ore” che è al plurale).

Metterci  – descrive quanto tempo serve a una persona per compiere un’azione. Perciò, “metterci” deve essere coniugato in base alla persona. Il verbo ausiliare per “metterci” è “avere”.

Presente Passato prossimo Imperativo
Io ci metto Io ci ho messo -
Tu ci metti Tu ci hai messo (tu) mettici!
Lui, lei, Lei ci mette Lui, lei, Lei ci ha messo (lui, lei, Lei) ci metta!
Noi ci mettiamo Noi ci abbiamo messo (noi) mettiamoci!
Voi ci mettete Voi ci avete messo (voi) mettetici!
Loro ci mettono Loro ci hanno messo (loro) ci mettano!

NB! Ricordiamo che con l’imperativo (tu, noi, voi) il pronome si mette sempre dopo il verbo.

Esempi:
-  Quanto tempo ci metti  per arrivare da casa al centro? (chiede quanto tempo serve a una certa persona per fare questo passaggio)

- Con il traffico ci metto  un ‘ora. (descrive quanto tempo serve a me per arrivare in centro)

Altri usi di “volerci” e “metterci”.

Per semplificare la memorizzazione dei verbi possiamo ricordare i loro significati basilari: volerci  = essere necessario;  metterci = mettere qualcosa in qualcosa.

E qui sotto vi do la spiegazione più dettagliata:

1) Metterci = mettere qualcosa in qualcosa, aggiungere qualcosa;

Per fare il piatto più buono ci metto un po’ di dragoncello. (per fare il piatto più buono metto dentro un po’ di dragoncello)

Per rendere i capelli più lucidi il parrucchiere ci mette la lacca. (per fare i capelli più lucidi il parrucchiere aggiunge un po’ di lacca)

-  Vorrei un vassoio di pasticcini. – Sì, che cosa ci mettiamo? – Mah, mettiamoci un po’ di tutto. (che pasticcini mettiamo dentro il vassoio?)

2) Metterci = fare qualcosa con fatica e/o passione;

Ma che bello è questo film! Si vede che il regista ci ha messo tutta la sua  passione. (il regista ha fatto il film con tanta passione)

Per fare questo lavoro ci ho messo tutta la mia pazienza. (ho fatto il lavoro con pazienza)

3) Volerci  = necessità di qualcosa; è necessario, bisogna, occorre.

Per passare l’esame ci vogliono tante e tante ore di studio. (occorre studiare tanto per poter passare l’esame)

- Franco ha di nuovo perso le chiavi di casa? – Eh, ci vuole pazienza! (bisogna avere pazienza anche nelle situazioni poco piacevoli e ripetitive)

- Attenta a dove metti i piedi! – Purtroppo non ho le scarpe giuste, qui ci vogliono gli scarponi  da montagna. (è necessario avere le scarpe da montagna per poter fare questa passeggiata)

Non ci vuole molto a capire. (non occorre molta fatica a capire, è facile da capire)

- Abbiamo tutto per la festa? – Quasi tutto: ci vogliono ancora bicchieri e tovaglioli. (mancano/non ci sono solo bicchieri e tovaglioli)

- Possiamo fare tutto oggi? – Purtroppo, no, signora. Ci vuole anche la firma di Suo marito. (manca la firma di marito della signora e quindi non si può fare niente)

Modi di dire con “metterci” e “volerci”:

a) metterci tutto se stesso – fare il meglio di se stesso

Sono soddisfatta del mio lavoro: ci ho messo tutta me stessa.

b) Quando ci vuole, ci vuole! – l’espressione significa che quando una cosa è necessaria deve essere fatta;

c) Non ci voleva! – un’esclamazione di disappunto che si usa quando succede qualcosa di spiacevole:

La macchina si è rotta e domani devo partire, non ci voleva!

Vi aspetto al prossimo articolo! :bye:

2 commenti sull'articolo “Metterci e volerci

  1. Amina

    Ciao Elena! Sono una professoressa di italiano alle prime armi, volevo dirti che mi piace molto il modo in cui spieghi e che trovo il tuo blog davvero utile e interessante! Brava!

  2. Elena Autore dell'articolo

    Ciao Amina! Grazie mille per i complimenti! Se hai consigli o suggerimenti scrivimi pure!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

:bye: 
:good: 
:negative: 
:scratch: 
:wacko: 
:yahoo: 
B-) 
:heart: 
:rose: 
:-) 
:whistle: 
:yes: 
:cry: 
:mail: 
:-( 
:unsure: 
;-)